L'Inferno dei viventi

Un laboratorio di teatro e architettura site specific | 

"L'inferno dei viventi" è il frutto di un percorso laboratoriale prodotto da Ravenna Festival e ideato insieme a Kepler-452. Il laboratorio è durato dieci giorni in cui abbiamo vissuto con attori professionisti, non professionisti e scenografi, tutti under 30. Guadati dalla regia di Nicola Borghesi i partecipanti hanno esplorato la loro personale idea di inferno partendo dalle suggestioni della Commedia di Dante. Attraverso una serie di improvvisazioni ciascuno degli attori coinvolti ha provato a rispondere alla domanda: qual è la parte di me che non cambia mai? A partire dall’ immaginario infernale di ciascuno abbiamo immaginato dentro quale struttura ogni ossessione potesse trovare il proprio spazio. Abbiamo dato vita agli spazi infernali e abbiamo infine provato ad abitarli, divisi tra le suggestioni della Commedia e le nostre personali ossessioni.

Luigi Greco Architetto - site specific installation - Ravenna - Dante - L inferno dei viventi - sketch

Durante i sette giorni di repliche all'interno del Complesso Monumentale dei Chiostri Francescani, accanto la tomba di Dante Alighieri, "L’inferno dei viventi" ha ricreato una galleria da visitare liberamente, con la possibilità di relazionarsi ad ogni postazione nel modo e per il tempo desiderati.

regia e direzione artistica: Nicola Borghesi / scene e coordinamento del laboratorio scenografico: Luigi Greco / In scena, i partecipanti al laboratorio: Nicola Andretta, Nicole Guerzoni, Pierre Jacquemin, Gianmaria Lanucara, Agnese Mercati, Maria Chiara Pederzini, Lorenzo Romanazzi / Le scene sono state realizzate insieme ai partecipanti al laboratorio di scenografia: Daniela Ciaparrone, Teresa Fano, Olivia Teglia, Micol Vighi.

Architecture & Micro Urbanism

Bologna, Italy